rimini santarcangelo bellaria

 

Al via manutenzioni per 420.000 euro

Ai nastri di partenza la realizzazione da parte di Anthea di interventi diffusi sul territorio per oltre 400.000 euro, in parte per interventi di manutenzione del verde comunale (200.000 euro), in parte per interventi manutentivi su una trentina di edifici comunali gran parte dei quali sono scuole.

“Si tratta di una serie d’interventi diffusi sul territorio – ha commentato l’assessore ai Lavori pubblici Jamil Sadegholvaad – che accanto allo sforzo sulle grandi opere che la città sta compiendo siano in grado di curare e salvaguardare, col patrimonio del verde e edilizio comunale, il tessuto connettivo di manutenzione del suo territorio.”

Sul verde comunale i lavori affidati dalla Direzione Lavori pubblici del Comune di Rimini ad Anthea riguardano 15 interventi da attuarsi su tutto il territorio comunale,  alcuni dei quali verranno realizzati anche attraverso il contributo di soggetti privati e associazioni che hanno donato beni finiti quali giochi, arredi o alberi nello spirito di collaborazione e coinvolgimento dei cittadini alla manutenzione e miglioramento dello spazio pubblico.

In particolare s’interverrà per l’adeguamento delle pavimentazioni delle aree giochi, alla sostituzione e adeguamento ed implementazione di alcune aree gioco nei parchi pubblici tra i quali Parco Briolini, alla riqualificazione di aree verdi delle rotatorie, alla piantumazione di circa 60 alberi in varie zone e parchi della città tra cui viale Gioia, ad interventi di tutela e valorizzazione del verde pubblico, agli interventi diffusi per la valorizzazione dell’identità dei luoghi, manutenzione degli arredi del centro storico.

Un elenco che manterrà un carattere indicativo così da poter essere modulato nel corso dei prossimi mesi in base alle esigenze che eventualmente potranno emergere.

220.000 euro circa sono, invece, i fondi previsti per interventi vari e diffusi su edifici e fabbricati comunali sempre a cura d’Anthea a cui è affidata la conservazione, gestione, valorizzazione del patrimonio edilizio comunale.

Sono soprattutto le scuole al centro di questa serie d’interventi che come priorità privilegeranno la sicurezza sia degli ambienti che dell’utenza.

Tra queste troviamo il nido d’infanzia Grillo parlante, la scuola infanzia Coccinella,  la scuola media statale La Capriola, la scuola d’infanzia La rondine, le scuole primarie Toti, Anna Frank, Fellini, Lambruschini, Carla Ronci, De Amicis, Casti, Case nuove, Madre Teresa di Calcutta, Lagomaggio, la scuola secondaria Marvelli, le scuole d’infanzia Margherite, Delfino, La rondine, l’asilo nido Pollicino, la  scuola primaria San Salvatore, una serie di scuole diverse come le Panzini.

Previsti anche interventi su altri edifici comunali come la Palazzina Roma, il Palazzo del Podestà e il Palazzo dell’Arengo, la Biblioteca comunale Gambalunga, il Museo della città, il Palazzo Aquila d’oro ed anche su una serie di fabbricati diversi.