rimini santarcangelo bellaria

 

Lotta antiparassitaria

Anthea svolge le attività di Lotta Antiparassitaria!

Anthea svolge le attività di Lotta Antiparassitaria, oltre che nei Comuni Soci, anche in diversi altri Comuni della Provincia.

Nel corso degli ultimi anni, il servizio ha raggiunto importanti obiettivi qualitativi, riducendo l’impatto ecologico sul territorio e mantenendo, nello stesso tempo, sotto controllo gli infestanti ed infettanti d’importanza sanitaria che causano disturbo in ambito civile.

L’introduzione del principio di “Riqualificazione Ecologica Urbana” ha inoltre consentito di porsi come obiettivo principale il riequilibrio delle popolazioni infestanti urbane, favorendo lo sviluppo dei rispettivi antagonisti, seguendo principi di “lotta biologica e Integrata”.

Le attività svolte si posso raggruppare nei seguenti servizi:



SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE

Il “monitoraggio” del territorio costituisce il primo passo per una gestione razionale ed efficiente del servizio di lotta antiparassitaria.

Lo scopo è di individuare tutti i potenziali focolai di riproduzione dei parassiti e di caratterizzarli sia dal punto di vista del tipo, che della potenziale virulenza.

Il territorio è stato così suddiviso in “Ambiti di Rischio Territoriali” che, per il loro particolare aspetto morfologico, struttura e posizione, potrebbero essere assoggettati nel loro interno allo stesso rischio parassitario. Tali ambiti sono denominati, nel linguaggio operativo, “Aree”, hanno un numero di riferimento progressivo e sono raffigurate sul supporto cartografico allegato al presente programma.

È stato quindi creato un “database” su programma open source Quantum GIS di facile accesso per l’individuazione dell’Area di ricerca, con rappresentati tutti i punti d’intervento, con i dati specifici, sempre su foglio elettronico, relativi ai servizi più importanti.

Il nuovo sistema di gestione operativa “BYRON web”

I servizi di disinfestazione sono stati inoltre implementati da una nuova gestione operativa legata ad un sistema denominato “BYRON web” che prevede una tracciatura dei punti di trattamento in campo con il GPS.

I percorsi operativi saranno quindi tracciati per punti, ed ad ogni punto corrisponde un sito di intervento: ad esempio una postazione per esche topicide, un punto di trattamento di un fosso per il controllo della zanzara tigre, un nido o una mangiatoia artificiale per il mantenimento degli uccelli utili nei progetti di riqualificazione urbana, ecc. ecc..

I dati tracciati da GPS con l’utilizzo di un semplice telefono android sono trasmessi direttamente su server con possibilità di accesso al dato immediata. I dati trasmessi, oltre a comprovare l’avvenuto passaggio nel punto dell’operatore rappresentati su mappa digitale, contengono dati operativi quali: data e ora dettagliata del passaggio, nome dell’operatore, tipologia di trattamento effettuato, tipologia di prodotto e quantità utilizzate.

I dai GPS raccolti potranno essere migrati su cartografia q-gis per la stampa delle cartine operative.